Skip to content. | Skip to navigation

Personal tools
You are here: Home SeeNet Comitato di Direzione del programma “Seenet 2: una rete trans locale per la cooperazione tra Italia e Sud Est Europa”.
« September 2019 »
September
MoTuWeThFrSaSu
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30
Log in


Forgot your password?
 

Comitato di Direzione del programma “Seenet 2: una rete trans locale per la cooperazione tra Italia e Sud Est Europa”.

What
When Jun 04, 2010
from 12:00 am to 12:00 am
Add event to calendar vCal
iCal

Si è tenuto il 4 giugno a Sarajevo, nella Sala grande della sede del Comune di Sarajevo "Stari Grad" la riunione di insediamento del Comitato di Direzione del programma “Seenet 2: una rete trans locale per la cooperazione tra Italia e Sud Est Europa”.

L’iniziativa, che fa seguito al primo programma Seenet concluso nel 2006, ha la finalità di costituire solidi partenariati attraverso il sistema italiano della cooperazione decentrata e rappresenta uno strumento fondamentale di sostegno al processo di integrazione nell’Unione Europea dei paesi dei Balcani.

Vi aderiscono per parte italiana molte Regioni (Regioni del Veneto, Toscana, Piemonte, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Provincia autonoma di Trento) oltre a enti pubblici e privati (ANCI, ERVET - Agenzia di sviluppo della Regione Emilia Romagna, Informest, Ucodep, CeSPI - Centro Studi Politica Internazionale, Osservatorio Balcani e Caucaso, ALDA - Associazione delle Agenzie di Democrazia Locale); per parte balcanica 46 autorità locali di Croazia, Bosnia Erzegovina, Kosovo, Montenegro, Serbia, Albania, Macedonia.
Gli ambiti tematici su cui si concentrerà il progetto sono: la valorizzazione del turismo culturale; la valorizzazione del territorio rurale e dell'ambiente; il sostegno alle PMI e alla cooperazione imprenditoriale e il rafforzamento dei servizi sociali.

Il costo complessivo del Programma triennale Seenet 2 è di 11.040.000 euro: il 75 per cento, pari a oltre 8 milioni di euro, è finanziato dal ministero italiano degli Affari Esteri.

Il programma prevede un sistema di gestione capace di garantire, in tutte le sue fasi, un continuo e costante coinvolgimento dei diversi soggetti della rete, sia a livello politico che tecnico. La struttura organizzativa è composta da un Comitato di Direzione, formato da un rappresentante politico per ogni partner istituzionale locale e italiano e del ministero degli Affari Esteri, con il compito di assicurare la direzione e l’indirizzo strategico del Programma.

Ha aperto i lavori del Comitato di Direzione il sindaco di Stari Grad, Ibrahim Hadžibajrić, al seguito dall'Ambasciatore d'Italia in Bosnia Erzegovina, Raimondo De Cardona e Enzo Brogi, Consigliere della Regione Toscana.

Sono state nominate le cariche dei diversi organi di gestione e coordinamento previsti dal programma, e presentato il piano di lavoro relativo al primo anno di attività.

Hanno partecipato un centinaio di persone: rappresentanti di istituzioni diplomatiche italiane e sud-est europee; rappresentanti delle regioni e degli enti italiani, della autorità locali dei Balcani coinvolti nel progetto.

 

Document Actions
Sections